NEWS

100 anni fa i primi caduti avetranesi nella "Grande Guerra" (in allegato il programma della Commemorazione del 4 Novembre)

100anni fa la fatidica data del 24 maggio 1915 segnava l’entrata in guerra dell’Italia.

100anni fa nei primissimi mesi di guerra Avetrana piangeva sette suoi valorosissimi figli caduti a servizio della patria combattendo con mirabile ardore patriottico:

  1. De Tommaso Vincenzo           1891-1915

  2. Marasco Francesco                1891-1915

  3. Marasco Vito                          1886-1915

  4. Morleo Mario                         1894-1915

  5. Nigro Angelo                           1890-1915

  6. Sammarco Leonardo               1893-1915

  7. Spagnolo Cosimo Celestino     1893-1915.

    Sono solo i primi di una lunga lista di nomi impressi sul monumento ai caduti e che riassume la tragedia di tante vite umane spezzate e delle loro famiglie. Quei soldati quasi tutti contadini (in qualche caso giovani studenti, come Mario Morleo   e Cesarino Palumbo, ai quali fu negato un radioso avvenire) strappati alla loro terra, ai loro affetti partirono per il fronte a morire per difendere la Patria offrendo ad essa un tributo di    valore inestimabile: la vita.

    Obbedienza,abnegazione, spirito di sacrificio, senso del dovere, amor patrio: questi gli ideali che hanno animato quei nostri concittadini che hanno trovato la morte nei due conflitti mondiali. A loro va il nostro doveroso omaggio, il nostro commosso plauso.  I più curiosi potranno scorrere la lunga serie dei caduti   in cui sono riportate cause e circostanze di morte nella Sez. "Omaggio agli eroi avetranesi"

 

Scarica gli allegati
Locandina 4 Novembre